Recovery Fund: da collaborazione scientifica tra Scuola Sant’Anna e Comune di Livorno è nato il dossier dei progetti dell’amministrazione comunale. Dalla transizione digitale a quella verde, alla salute: ecco le proposte per il rilancio post Covid-19

Si chiama Next Generation Livorno ed è il dossier che contiene tutti i progetti per il rilancio del territorio labronico nato anche in collaborazione con la Scuola Superiore Sant’Anna e presentato pubblicamente a Livorno lo scorso 29 gennaio, in un evento alla presenza del sindaco di Livorno Luca Salvetti, del presidente della Regione Toscana Eugenio Giani e con Paolo Dario, prorettore alla Terza Missione per la Scuola Superiore Sant’Anna. Si tratta di un vero piano per la ripartenza e lo sviluppo della città e del territorio della provincia di Livorno, con progetti che possono candidarsi ad avere accesso alle risorse che verranno messe in campo con il Recovery Plan. 

Un progetto a cui Paolo Dario ha collaborato fin dall’inizio dando supporto alla scrittura del piano e alla individuazione di alcuni progetti, in linea con gli obiettivi indicati come prioritari da Bruxelles per una vera ripartenza post Covid – 19 : dalla transizione digitale a quella “verde”, dalla coesione sociale alla salute.

La collaborazione tra la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e l’amministrazione comunale di Livorno è nata nei mesi scorsi con la firma di una convenzione, curata dall’area Terza Missione della Scuola Superiore Sant’Anna. Obiettivo dell’accordo triennale è contribuire al rilancio dell’economia del territorio e a rafforzare la relazione tra mondo della ricerca e dell’università e amministrazione comunale, nell’ottica di produrre valore per la collettività, essere volano per lo sviluppo socio economico, culturale e tecnologico e costituire una ‘buona pratica’ che possa stimolare ulteriori collaborazioni.

La Scuola Superiore Sant’Anna è già attiva a Livorno nell’ambito del Polo della Logistica e delle Alte Tecnologie, per creare e sviluppare spin-off e start up innovative ad alta tecnologia e promuovere la riqualificazione industriale del territorio, inoltre anche svolgendo ricerca scientifica e tecnologica in settori strategici per il territorio, dall’ambiente, al mare, all’economia circolare.

Da sottolineare come i progetti del piano Next Generation Livorno siano pensati nell’ottica di poter accedere anche ai bandi europei per la ricerca.

Il dossier completo è disponibile in allegato.

Approfondimenti. Dal sito del Consiglio Regionale della Toscana: "Fondi europei, un 'modello Livorno' per affrontare la sfida del Recovery Fund". 

Il Dossier
08.02.2021